Nasce la sezione pratese della Fondazione Centesimus Annus. Il referente è Giuseppe Nicodemo

La Fondazione Centesimus Annus ha aperto una sezione a Prato. L’ente, nato 25 anni fa per volere di un gruppo di imprenditori e professionisti, ha lo scopo di sensibilizzare la divulgazione della dottrina sociale della Chiesa secondo i principi indicati nell’enciclica «Centesimus Annus» di papa Giovanni Paolo II.

La Fondazione, di diritto Vaticano, opera in Italia e in altri quattordici paesi nel mondo. Le aree geografiche di competenza vengono definite «capitoli» o «chapter».
Prato è stata individuata come nuova area territoriale dove aprire una sede. Per sancire questa apertura, stamani sono venuti in città la presidente Anna Maria Tarantola, già presidente della Rai, il segretario generale Eutimio Tiliacos e il referente spirituale nazionale don Walter Magnoni.
I vertici nazionali hanno avuto modo di incontrare il vescovo Franco Agostinelli e sono stati accompagnati dal referente pratese della Fondazione Giuseppe Nicodemo e da don Helmut Szeliga, proposto al Presule come assistente spirituale della sezione locale.